Web marketing strategies

Facebook per affrontare la crisi?

Possiamo affrontare la crisi economica attraverso il web? Penso proprio di sì… oggi spendere migliaia di euro per acquistare uno spazio sui quotidiani o riviste cartacee quanto può essere producente?

Oggi, 1 Marzo 2009, diventa necessario aprirsi al web! Un’azienda che comunica senza ricevere feedback dai propri utenti brucia migliaia di euro… il web ci offre tantissimi strumenti free per avere un dialogo diretto con i nostri clienti. All’ordine del giorno c’è l’importanza che oggi ci offrono i social newtwork… cosa succede se vado a fare shopping in centro, entro in un negozio di una nota catena di abbigliamento e la commessa mi fornisce una risposta poco risolutiva  o addirittura poco educata? Ecco… potrebbe  succedere che mentre sto scrivendo questo articolo sul mio blog faccio il nome dell’azienda e racconto il mio brutto episodio, poi lo scrivo anche su Facebook e il gioco è fatto! La reputazione della catena è andata a farsi friggere! Ecco uno dei motivi per cui è necessario essere presente sul web! Monitorare la reputazione online è una delle azioni quotidiane che deve compiere un’azienda: mettiamo caso che la nota catena d’abbigliamento possiede anche lei una pagina su Facebook e leggendo del mio disservizio si scusa e mi offre un buono sconto sul prossimo acquisto… recupera una cliente e non lascia che la comunità dei miei amici  può essere influenzata dallo spiacevole episodio che mi è capitato! Ecco perchè credo che sia fondamentale per affrontare la crisi pianificare un ottima web strategy! Quindi lascio a voi la parola… cosa ne pensate? Come si può affrontare la crisi?

Annunci

2 thoughts on “Web marketing strategies

  1. cara Federica è con molto piacere che mi permetto di risponderti. Sfruttare i vantaggi del web per raggiungere un vantaggio competitivo è oggi necessario!!!

  2. Gli incentivi al settore automobilistico, sul lungo periodo, servono a rilanciare anche l’indotto che orbita intorno a queste grandi case automobilistiche: molte fabbriche che producono i sedili, le ruote, i vetri rischiano di chiudere del tutto se non viene incentivata la casa madre, che a sua volta fornisce il lavoro alle ditte più piccole.

    Però le auto non sono il solo settore che copre così tanti posti di lavoro: fabbriche che lavorano la ceramica, la maglieria… i settori sono i più disparati.

    Ora è necessario investire in idee per rilanciare la creatività italiana. Speriamo bene…
    Marco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...